Condividi su:
new york panorama con statua della libertà

Dove possiamo andare?

 

Il turismo verso i Paesi extra europei sta lentamente ripartendo.
Qui si seguito un elenco delle destinazioni e delle procedure al momento richieste per poterle visitare.

STATI UNITI

Ingresso negli U.S.A.   

Aggiornamento - E' ammesso l'ingresso negli Stati Uniti ai viaggiatori che hanno completato la vaccinazione. Per "fully vaccinated" si intendono sia i vaccinati con i vaccini approvati da FDA (Moderna, Pfizer e Johnson and Johnson) sia quelli vaccinati con vaccini inseriti nella Emergency Use Listing (EUL) dell'Organizzazione Mondiale della Sanita' e tra i quali è incluso AstraZeneca.

Sono ritenuti "fully vaccinated" anche coloro che hanno ricevuto una vaccinazione mista a condizione che sia stata effettuata con vaccini riconosciuti da FDA o inclusi nella EUL: "any combination of two doses of an FDA approved/authorized or WHO emergency use listed COVID-19 two-dose series".

E' considerato "fully vaccinated" chi ha ricevuto almeno 14 giorni prima dell'arrivo negli USA la seconda dose di vaccinazione o la dose singola nel caso di vaccini che prevedono una sola inoculazione (Johnson and Johnson).Per maggiori informazioni sulla definizione di “fully vaccinated”: Non-U.S. citizen, Non-U.S. immigrants: Air Travel to the United States | CDC

Sia i cittadini statunitensi che i cittadini stranieri completamente vaccinati devono viaggiare con la prova del loro stato di vaccinazione da fornire alla propria compagnia aerea prima della partenza per gli Stati Uniti.

Tale prova della vaccinazione in formato cartaceo o digitale deve essere emessa da una fonte ufficiale e includere nome e data di nascita del viaggiatore, nonché il prodotto vaccinale e la data o le date di somministrazione per tutte le dosi che il viaggiatore ha ricevuto.

per imbarcarsi dovranno presentare il risultato negativo di  un test molecolare o antigenico effettuato il giorno prima della partenza. Ad esempio, se la partenza è prevista a qualsiasi orario  di domenica, il test dovrà essere effettuato in un qualsiasi momento del sabato (CDC: CDC Tightens Testing Requirement for International Travel to the US to One Day | CDC Online Newsroom | CDC e Non-U.S. citizen, Non-U.S. immigrants: Air Travel to the United States | CDC ). Viene inoltre  raccomandato di effettuare un ulteriore test (molecolare o antigenico) tra il terzo e il quinto giorno dall'arrivo nel Paese.

I viaggiatori che hanno contratto il virus, nel caso in cui possano dimostrare di aver contratto il COVID-19 nei 90 giorni precedenti l’ingresso nel Paese mediante esibizione dell’esito positivo di un tampone COVID-19, sono esentati dal test pre-partenza.

I sieri approvati dal Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) sono quelli autorizzati dalla Food and Drug Administration: Pfizer-BioNTech, Moderna, Johnson & Johnson, AstraZeneca/Oxford.

I minori di 18 anni sono esentati dall'obbligo di vaccinazione per i viaggiatori nazionali stranieri, data sia l'inammissibilità di alcuni bambini più piccoli alla vaccinazione, sia la variabilità globale nell'accesso alla vaccinazione per i bambini più grandi che possono essere vaccinati.

I bambini di età compresa tra 2 e 17 anni sono tenuti a sostenere un test pre-partenza.

Se un bambino non è completamente vaccinato e viaggia con un adulto completamente vaccinato, può mostrare la prova di un test virale (Pcr o antigenico) negativo da un campione prelevato entro tre giorni prima della partenza

Se un bambino non vaccinato viaggia da solo o con adulti non vaccinati, dovrà mostrare la prova di un test virale (Pcr o antigenico) negativo da un campione prelevato entro un giorno dalla partenza.

Sebbene i bambini di età inferiore a 2 anni siano esentati dal requisito del test, si raccomanda un test pre-partenza.

Il test deve essere somministrato non più di tre giorni di calendario prima della data del volo internazionale per gli Stati Uniti.

Ad esempio: se un viaggiatore parte per gli Stati Uniti alle 22:00 del 19 gennaio, dovrà presentare un risultato negativo per un test eseguito in qualsiasi momento dopo le 00:01 del 16 gennaio.

Rimane obbligo di compilazione del certificato  Esta e si raccomanda di munirsi di una polizza assicurativa che copra, fra l’altro, i costi di eventuali cure, analisi, periodi di quarantena, ricoveri, nonché rimpatri legati anche all’infezione da Covid-19.

 Rientro dagli U.S.A.

- compilazione del modulo DPLF euplf.eu 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In caso di soggiorni superiori a 7 giorni si deve effettuare test molecolare o antigenico a metà soggiorno.

 

 

DUBAI
Ingresso a Dubai
- in arrivo a Dubai con volo diretto dall’Italia richiesto un certificato di negatività al test molecolare effettuato entro le 72 ore dall’imbarco redatto in inglese.
- registrazione dei propri dati sull’applicazione “COVID-19 DXB"
- a causa dei costi particolarmente elevati delle strutture sanitarie viene raccomandato
di munirsi di una polizza assicurativa che copra, fra l’altro, i costi di eventuali cure, analisi, periodi di quarantena, ricoveri, nonché rimpatri legati anche all’infezione da Covid-19.
-All’arrivo a Dubai tutti i passeggeri saranno sottoposti a misurazione della temperatura e potranno essere sottoposti a nuovo test PCR. Coloro in possesso di un tampone con esito negativo, ma che all’arrivo presentino sintomi compatibili con il Covid-19, saranno sottoposti a nuovo tampone.
-Durante il soggiorno tutti dovranno attenersi alle misure previste per ridurre il contagio da Covid-19 (mascherine, distanziamento fisico di 2 metri, lavaggio frequente delle mani).
Rientro da Dubai
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia.
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu

 

 

ABU DHABIabu dhabi grande moschea600x315
L'Italia dal 6 settembre 2021 è inserita nella "lista verde “dei Paesi per i quali è consentito l'ingresso se in possesso vaccinazione completa dei seguenti vaccini:
14 giorni dalla seconda dose Pfizer-AstraZeneca-Moderna
18 giorni dalla vaccinazione Johnson&Johnson
Ingresso
- certificato vaccinale
-registrazione sul sito https://smartservices.ica.gov.ae/echannels/web/client/guest/index.html#/registerArrivals
da compilare almeno 5 giorni prima dell’arrivo. Una volta effettuata la compilazione con l'inserimento del certificato verrà inviato un sms di conferma del modulo dove sarà inserito un link per scaricare l'applicazione Alhosnapp (https://alhosnapp.ae/en/home)che permette accesso ai luoghi pubblici
Rientro da Abu Dhabi
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia.
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu

 All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

CANADA
Dal 7 settembre è consentito l'ingresso a tutti i viaggiatori che hanno completato il ciclo vaccinale.
Sono riconosciuti i seguenti vaccini: Pfizer-BioNTech, Moderna, AstraZeneca/COVISHIELD e Janssen.
Ingresso
- certificato vaccinale (il ciclo vaccinale deve essere stato completato da almeno 14 giorni
- test molecolare Covid19 negativo effettuato entro 72 ore prima del volo o un test molecolare effettuato tra 14 e 180 giorni prima dell'arrivo in Canada.
- inserire le informazioni vaccinali nell'App ArriveCAN o nel sito web https://www.canada.ca/en/public-health/services/diseases/coronavirus-disease-covid-19/arrivecan.html
- sottoporti a un test all'arrivo che può essere richiesto a campione.
- compilazione del certificato ETA https://www.canada.ca/en/immigration-refugees-citizenship/services/visit-canada/eta.html
Rientro
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia.
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu
- certificato vaccinale da presentare in aeroporto al vettore aereo.

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

GIORDANIA
Ingresso
-tampone molecolare da effettuare 72 ore prima della partenza con referto in lingua inglese
- compilazione del certificato di viaggio sul sito https://gateway2jordan.gov.jo/ dove verrà inviato un codice Qr da mostrare all'arrivo
- è obbligatoria una Polizza a copertura costi di eventuali cure, analisi, periodi di quarantena, ricoveri, nonché rimpatri legati anche all’infezione da Covid-19.petra ingresso tempio600x315
- per in passeggeri non vaccinati all'arrivo è obbligatorio un ulteriore test (costo 28 dinari /€33.In attesa del risultato i passeggeri verranno trasportati in albergo e potranno uscire solo se il risultato sarà negativo.
Rientro
- è obbligatorio il tampone molecolare con risultato negativo ottenuto nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia.
- compilazione del modulo DPLF https://euplf.eu
- certificato vaccinale da presentare in aeroporto al vettore aereo.

 All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

 

 MALDIVE

Ingressomaldive spiaggia1200x630
-  test molecolare Covid19 negativo effettuato entro 96 ore prima del volo 
- un’assicurazione medica con copertura Covid-19
- una dichiarazione sul proprio stato di salute redatta entro 24 ore dalla partenza sul sito IMUGA imuga.immigration.gov.mv. La stessa dichiarazione andrà redatta anche all’uscita dal Paese.
- è consigliato dalle autorità di scaricare l'applicazione Trace Ekee prima del loro arrivo.

Rientro da Maldive
-una dichiarazione sul proprio stato di salute redatta entro 24 ore dalla partenza sul sito IMUGA 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia.
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

 

SEYCHELLES

Ingresso
-  test molecolare PCR Covid19 negativo effettuato entro 72 ore prima del volo 
- un’assicurazione medica Covid 19 con coperture dei costi di eventuali cure, analisi, periodi di quarantena, ricoveri, nonché rimpatri legati anche all’infezione da Covid-19.
- compilazione della Health Travel Authorization sul sito https://seychelles.govtas.com/ (costo €10). Il test e la certificazione verranno richiesti dalla compagnia aerea all'imbarco.
- al momento è ancora in vigore il coprifuoco notturno dalle ore 23:00 alle ore 04:00 del mattino del giorno successivo.

Rientro da Seychelles
-una dichiarazione sul proprio stato di salute redatta entro 24 ore dalla partenza sul sito IMUGA 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In caso di soggiorni superiori a 7 giorni si deve effettuare test molecolare o antigenico a metà soggiorno.
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

MAURITIUS

Dal 01 ottobre Mauritius aprirà completamente i confini per tutti i passeggeri in possesso di vaccinazione.
Al momento fino al 25 ottobre 2021 la normativa italiana non consente spostamenti verso Mauritius.
Ingresso
- certificato vaccinale
- è richiesto tampone Pcr effettuato nelle 72 ore precedenti il viaggio
- è obbligatoria una Polizza a copertura costi di eventuali cure, analisi, periodi di quarantena, ricoveri, nonché rimpatri legati anche all’infezione da Covid-19.
-compilazione di 2 moduli di autocertificazione (da stampare e consegnare all'arrivo in aeroporto)
https://mauritiusnow.com/wp-content/uploads/2021/09/Public-Health-Covid-19-Passenger-Self-Declaration-form-003.pdf
https://mauritiusnow.com/wp-content/uploads/2021/09/Public-Health-Passenger-Locator-Form.pdf
- prenotazione confermata in uno degli hotel certificato Covid1
-Per i soggiorni in hotel verrà effettuato un test antigenico obbligatorio all'arrivo (giorno 0) e di nuovo il giorno 5 del soggiorno.

 

 

Rientro da Mauritius
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia.
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In caso di soggiorni superiori a 7 giorni si deve effettuare test molecolare o antigenico a metà soggiorno.

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

 

REPUBBLICA DOMINICANA
Ingresso
-compilazione 72 ore prima della pertenze del modulo ingresso sul sito eticket.migracion.gob.do/. Stampare o acquisire sui propri dispositivi il codice Qr che dovrà essere mostrato all'arrivo.
- in aeroporto verrà controllata la temperatura e a campione, potrà essere effettuato un test rapido.
-è consigliata una Polizza a copertura costi di eventuali cure, analisi, periodi di quarantena, ricoveri, nonché rimpatri legati anche all’infezione da Covid-19.

Rientro dalla Repubblica Dominicana
-compilazione 72 ore prima della pertenze del modulo sul sito https://eticket.migracion.gob.do/.
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In caso di soggiorni superiori a 7 giorni si deve effettuare test molecolare o antigenico a metà soggiorno.

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

 

EGITTO
Ingresso
- certificato di vaccinazione per COVID19.Il certificato deve disporre di codice a barre QR e se cartaceo non deve contenere abrasioni, cancellazioni o aggiunte.
Devono essere passati 14 giorni dall’inoculazione della seconda dose di vaccino Pfizer, Moderna, AstraZeneca e siano passati 14 giorni dalla data di inoculazione dell’unica dose di Johnson & Johnson.
I passeggeri non vaccinati devono presentare test PCR negativo effettuato entro le 72 ore precedenti all’orario previsto di partenza del volo. Il certificato per essere accettato deve rispondere ai seguenti requisiti:
- deve includere la data e l’ora del prelievo che faranno fede per il conteggio delle 72 ore;
- deve essere rilasciato da un laboratorio autorizzato nel Paese di provenienza e riportarne il timbro. Non deve contenere abrasioni, cancellazioni o aggiunte. In alternativa, il certificato può contenere un “QR code”, invece del timbro del laboratorio, che permetta di verificare quale sia l’ente che lo ha rilasciato;
- deve menzionare il tipo di campione preso per l’analisi;
- deve indicare che la tipologia di analisi effettuata è RT – PCR;
- deve essere redatto in lingua inglese o araba
La compagnia aerea è responsabile per il controllo dei certificati, che effettua già al momento del check in e può quindi rifiutare l’imbarco, qualora i medesimi certificati non rispondano ai requisiti stabiliti dalle autorità egiziane.
-è consigliata una Polizza a copertura costi di eventuali cure, analisi, periodi di quarantena, ricoveri, nonché rimpatri legati anche all’infezione da Covid-19.

 

Rientro dall'Egitto
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In caso di soggiorni superiori a 7 giorni si deve effettuare test molecolare o antigenico a metà soggiorno.

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

 

ARUBA
Ingresso
-tampone molecolare da effettuare 72 ore prima della partenza con referto in lingua inglese per tutti i viaggiatori di età superiore ai 15 anni.
-compilazione on line del modulo di imbarco e sbarco da compilare sul sito edcardaruba.aw/ per ottenere l'autorizzazione all'ingresso e pagare l'Assicurazione per i Visitatori di Aruba,polizza obbligatoria .
- è consigliato dalle autorità di scaricare l'Aruba Health App aruba.com/it/aruba-health-app per avere facile accesso alle procedure sanitarie Covid19 ad Aruba.

Rientro da Aruba
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In caso di soggiorni superiori a 7 giorni si deve effettuare test molecolare o antigenico a metà soggiorno.

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

 OMAN

 Ingresso

 I cittadini italiani sono esenti dall’obbligo di visto per soggiorni fino a 10 giorni, non rinnovabili.  Sul portale della Royal Oman Police https://evisa.rop.gov.om/en/home è possibile richiedere un visto per soggiorni più lunghi, fino a 30 giorni rinnovabili una sola volta.

L’ingresso nel Paese è subordinato al rispetto delle seguenti condizioni:
1) essere in possesso di un certificato dotato di QR code che attesti di aver ricevuto l’intero ciclo di uno dei vaccini riconosciuti dall’Oman (al momento Pfizer, Astra Zeneca, Covishield, Sputnik, Sinovac, Sinopharm, Moderna e Johnson and Johnson);
2) il ciclo vaccinale deve essere stato completato almeno 14 giorni prima della data di arrivo in Oman;
3) presentare l’esito negativo di un test COVID-19 PCR dotato di QR code ed effettuato entro le 72 ore precedenti l’arrivo o entro le 96 ore precedenti l’ingresso in Oman per viaggi superiori alle 8 ore, transiti inclusi;
4) scaricare sul proprio smartphone la App di tracciamento Tarassud+ e registrarsi con un proprio profilo;
5) sul sito https://travel.moh.gov.om/ il certificato vaccinale e l’esito del test PCR;
6) stipulare un'assicurazione sanitaria della durata di almeno un mese che includa la copertura delle spese per Covid-19.
Per chi rispetti queste sei condizioni non e’ previsto alcun periodo di isolamento all’arrivo e non e’ richiesta nessuna ulteriore formalita’.

Sono esentati dai requisiti vaccinali e dai test i viaggiatori fino a 18 anni. I soggetti con patologie che impediscano la somministrazione del vaccino sono esentati dalla presentazione del certificato vaccinale dietro presentazione di un certificato medico che attesti la loro condizione, mentre sono tenuti a effettuare il test PCR prima della partenza o all’arrivo.

Gli ingressi nel Paese non sono consentiti a coloro che non abbiano completato il ciclo vaccinale.
Sono nuovamente aperti i confini terrestri. In caso di ingresso in Oman via terra, e' necessario effettuare il test PCR prima del viaggio in quanto i posti di confine non sono dotati di laboratori per i test.

Rientro da Oman
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In caso di soggiorni superiori a 7 giorni si deve effettuare test molecolare o antigenico a metà soggiorno.

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

CUBA

Ingresso

Dal 5 gennaio 2022, per l’ingresso a Cuba è necessario avere un certificato vaccinale emesso dalle Autorità sanitarie del Paese di Provenienza (in forma cartacea) e aver effettuato un tampone molecolare nelle 72 ore precedenti al viaggio con risultato negativo. Tali requisiti non si applicano ai minori di anni 12 né alle persone che non possono essere vaccinate a causa di problemi medici debitamente documentati. I viaggiatori, inoltre, devono compilare una dichiarazione di salute all'arrivo, certificando di non avere avuto sintomi da Covid nelle ultime due settimane.

E’ inoltre previsto che i turisti che dovessero riscontrare la positività al Covid durante la permanenza a Cuba debbano permanere presso strutture sanitarie adibite alla quarantena (Covid-hotel) a proprie spese.

Rientro da Cuba
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In caso di soggiorni superiori a 7 giorni si deve effettuare test molecolare o antigenico a metà soggiorno.

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

 

THAILANDIA (limitatamente all'isola di Phuket)

Ingresso

A partire dal 1° febbraio 2022, per entrare in Thailandia ciascun viaggiatore proveniente dall’Italia dovra’ avere:
- Tampone negativo, effettuato con metodo RT/PCR, non oltre 72 ore prima della partenza.
- Autorizzazione denominata “Thailand Pass”, rilasciata dall'Ambasciata di Thailandia su richiesta, da richiedere al seguente link:  https://tp.consular.go.th/
- Visto, in tutti i casi in cui e' richiesto.
- Assicurazione sanitaria che copra tutto il mondo, o comunque la Thailandia, che copra anche le spese dovute al COVID19 e abbia un massimale non inferiore ai 50.000 USD.
L’assenza o la non correttezza formale di uno solo di questi documenti comporta il diniego di imbarco da parte del vettore aereo che è responsabile del controllo.

A partire dal 1° febbraio 2022 il regime di quarantena viene abolito per tutti, alle seguenti condizioni:
-I viaggiatori devono rispettare i requisiti generali indicati al punto precedente (“Condizioni di ingresso nel Paese”).
- Gli interessati, se maggiori di 18 anni, devono essere vaccinati contro il Covid-19 con ciclo completo (due dosi, oppure una dose di vaccino Johnson & Johnson) da almeno 14 prima della data del viaggio. In alternativa, e’ possibile produrre certificato medico di completa guarigione e certificato di vaccinazione con una sola dose, effettuata in data successiva alla guarigione.
- I viaggiatori devono sottoporsi ad un test COVID con metodo RT/PCR sia il giorno dell’arrivo, che il quinto giorno di permanenza nel Paese.
- Gli interessati devono quindi avere prenotato, prima del viaggio, due notti in albergo (per il primo e quinto giorno di permanenza), in una delle strutture abilitate, dove dovranno attendere il risultato dei test COVID. Per entrambe le notti, non sara’ possibile lasciare l’hotel prima dell’arrivo del risultato negativo del test. Gli interessati devono dimostrare anche di aver prenotato e pagato in anticipo il trasferimento dall’aeroporto all’albergo. Possono essere scelti due hotel diversi.

Transiti aeroportuali: sono permessi solo presso gli aeroporti Suvarnabhumi (BKK) e Don Mueang (DMK) di Bangkok alle seguenti condizioni:
- tampone negativo, effettuato con metodo RT/PCR, non oltre 72 ore prima della partenza.
- Certificato di “fit to fly” rilasciato non oltre 72 ore prima della partenza oppure certificato attestante il completamento del ciclo vaccinale contro il COVID19 ((due dosi, oppure una dose di vaccino Johnson & Johnson).
- Assicurazione sanitaria che copra tutto il mondo, o comunque la Thailandia. Tale assicurazione deve avere un massimale non inferiore ai 50.000 USD e coprire le spese legate al COVID19.

Rientro da Thailandia
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In caso di soggiorni superiori a 7 giorni si deve effettuare test molecolare o antigenico a metà soggiorno.

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

 

SINGAPORE

Ingresso

Ai viaggiatori provenienti dall’Italia completamente vaccinati (in possesso del certificato COVID digitale dell'UE) è consentito l'ingresso a Singapore per qualsiasi motivo richiedendo il Vaccinated Travel Pass-VTP eliminando l’obbligo di quarantena all’arrivo.

Per coloro che sono vaccinati  o guariti dal COVID-19  tra i 7 e i 90 giorni (inclusi) prima della partenza, è prevista una procedura d'ingresso semplificata di cui si possono trovare le specifiche cliccando su questo LINK.

Prima della partenza i viaggiatori sono tenuti a presentare una dichiarazione sul proprio stato di salute utilizzando questo form e ad effettuare un tampone molecolare PCR o un test antigenico rapido (ART test) effettuato nelle  48 ore precedenti l’imbarco (sono esclusi i minori di 2  anni). All’arrivo in aeroporto sono tenuti ad effettuare il tampone molecolare e ad autoisolarsi fino all’esito del tampone. I viaggiatori dovranno anche sottoporsi a ART test COVID_19 autosomministrati utilizzando self-kit approvati dalle Autorita' di Singapore dal giorno 2 al giorno 7 dall'arrivo a Singapore (si considera come giorno 1 quello dell'arrivo) qualora intendano uscire dal proprio hotel/domicilio/residenza senza dover riportare il risultato all'ente governativo di riferimento. Ai viaggiatori sara' richiesto di sostenere il costo di tali test. Ulteriori dettagli sulla VTL sono disponibili al sito https://safetravel.ica.gov.sg/vtl/requirements-and-process

Rientro da Singapore
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In caso di soggiorni superiori a 7 giorni si deve effettuare test molecolare o antigenico a metà soggiorno.

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.

POLINESIA FRANCESE

ingresso

Tutti i passeggeri sono ora tenuti a presentare alla compagnia aerea, al momento dell'imbarco, l’esito negativo di un test RT-PCR o antigenico, effettuato entro 24 ore prima dell'imbarco sul volo in partenza per la Polinesia francese.
Le compagnie aeree devono garantire il rispetto di questo obbligo nazionale che attualmente si applica a tutti i territori francesi d'oltremare.

Per le persone provenienti da Paese classificato verde (UE ed Italia inclusa) di età superiore ai 12 anni che abbiano completato il ciclo vaccinale l’ingresso nell’arcipelago è consentito senza necessità di dimostrare i motivi imperativi (personale/familiare, di salute urgente o professionale inderogabile) e senza obbligo di quarantena.
Questi viaggiatori sono però tenuti a:
-  registrarsi, almeno sei giorni prima della partenza, sulla piattaforma ETIS (https://www.etis.pf/ ) e caricare il certificato attestante il completamento del ciclo vaccinale (certificato che dovrà essere presentato anche al momento dell’imbarco);
-  realizzare un test PCR o antigenico nelle 24 ore antecedenti il volo;
- sottoporsi ad un nuovo test all’arrivo nell’arcipelago.
Al momento dell’imbarco dovranno presentare:
- risultato negativo del test;
- ricevuta di registrazione sulla piattaforma ETIS;
- giustificativo del completamento del ciclo vaccinale;
- attestazione relativa ad assenza di sintomi

Poiché il Ministero della Salute della Polinesia francese raccomanda vivamente di scegliere un test RT-PCR, che è più sensibile al rilevamento di covid-19, si prega di notare i tre casi illustrati di seguito:
 
CASO 1: Presentazione dell’esito di un test RT-PCR effettuato nelle 24 ore precedenti, che è negativo prima dell'imbarco (opzione consigliata)

CASO 2: Se non è possibile eseguire un test RT-PCR entro 24 ore, allora,
si consiglia ai viaggiatori di presentare l’esito negativo di un test antigenico effettuato nelle 24 ore precedenti insieme a un test RT-PCR eseguito nei 2 giorni precedenti.

CASO 3: Se non è possibile eseguire un test RT-PCR entro 2 giorni, allora,
I viaggiatori possono presentare l’esito negativo di un test antigenico effettuato nelle 24 ore precedenti. Tuttavia, in questo caso, verrà effettuato un test RT-PCR all'arrivo a carico del viaggiatore (prezzo dissuasivo da confermare) a partire dal 10 gennaio 2022.
In attesa dell'esito di questo test, si richiede ai viaggiatori di rispettare scrupolosamente il distanziamento sociale e i comportamenti consigliati per la protezione (barrier gestures) e di evitare ogni contatto non essenziale.

All'arrivo a Tahiti, tutti i viaggiatori sono soggetti a ulteriori test effettuati dalle autorità.
I risultati vengono inviati entro un massimo di 72 ore via e-mail.
I viaggiatori ricevono e possono consultare gli esiti dal loro indirizzo e-mail.
Questi risultati possono essere richiesti in qualsiasi momento dalle autorità locali.
La mancata presentazione può comportare una sanzione o una multa.

Rientro da Polinesia Francese
- compilazione del modulo DPLF euplf.eu 
- è obbligatorio il tampone (molecolare o antigenico) con risultato negativo ottenuto nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In caso di soggiorni superiori a 7 giorni si deve effettuare test molecolare o antigenico a metà soggiorno.

All'arrivo in Italia è necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico in aeroporto con esito negativo o anche entro le 24 ore successive al rientro nel territorio nazionale con isolamento fiduciario fino all'esito dello stesso.


 

 

Paola De Luca